Home  |  Sala Stampa  |  Interventi e interviste  |  Attentato al Presidente della Commissione Europea Romano Prodi: "E' un atto di estrema gravità, che esige risposte immediate ed efficaci"

Interventi e interviste

Interventi - Altri ministri e sottosegretari precedenti

27.12.2003

Attentato al Presidente della Commissione Europea Romano Prodi: "E' un atto di estrema gravità, che esige risposte immediate ed efficaci"

La dichiarazione del Ministro dell'Interno Giuseppe Pisanu

"HO ESPRESSO PERSONALMENTE AL PRESIDENTE PRODI TUTTA LA MIA SOLIDARIETÀ PER QUESTO ULTERIORE, VILE ATTENTATO.
E' UN ATTO DI ESTREMA GRAVITÀ, CHE ESIGE RISPOSTE IMMEDIATE ED EFFICACI.

GIÀ DALLA VIGILIA DI NATALE ABBIAMO PROMOSSO INIZIATIVE OPPORTUNE PER TUTELARE IL PRESIDENTE PRODI NON SOLO IN ITALIA, MA ANCHE ALL'ESTERO. ALLO STESSO TEMPO ABBIAMO INTENSIFICATO LE ATTIVITÀ DI PREVENZIONE E CONTRASTO NEI CONFRONTI DEL TERRORISMO INTERNO E, IN PARTICOLARE, DI TALUNI GRUPPI AI QUALI SEMBRA RAGIONEVOLE ATTRIBUIRE QUESTI ULTIMI ATTENTATI.
LE INDAGINI, COMUNQUE, NON TRASCURANO NESSUNA IPOTESI E TENGONO CONTO DEI PIÙ RECENTI SVILUPPI DI QUEL QUADRO EVERSIVO NAZIONALE SUL QUALE HO RIFERITO SCRUPOLOSAMENTE AL PARLAMENTO.

COME HO DETTO ALTRE VOLTE, NONOSTANTE GLI INNEGABILI SUCCESSI CONSEGUITI CONTRO LE BRIGATE ROSSE, IL TERRORISMO INTERNO COSTITUISCE ANCORA UNA MINACCIA GRAVE, CHE TUTTI INSIEME, GOVERNO, PARLAMENTO E PAESE, DOBBIAMO FRONTEGGIARE CON LA MASSIMA DETERMINAZIONE".