Home  |  Sala Stampa  |  Notizie  |  'Enrico Fermi e il fuoco nucleare di pace', una mostra al Viminale sulle orme dei 'ragazzi di via Panisperna'

Notizie

Ministero

29.11.2007

'Enrico Fermi e il fuoco nucleare di pace', una mostra al Viminale sulle orme dei 'ragazzi di via Panisperna'

All'inaugurazione il Presidente del Senato Marini:«Una politica che non guarda con occhio interessato alla ricerca scientifica è una politica di corto respiro»

Mostra 'Enrico Fermi e il fuoco nucleare di pace'E' stata inaugurata oggi al Viminale, allestita presso l'Istituto di fisica di Via Panisperna, una mostra dedicata a Enrico Fermi.
Alla cerimonia hanno partecipato, alla presenza del Presidente del Senato Franco Marini, il sottosegretario all'interno Alessandro Pajno, il Capo di Gabinetto prefetto Giovanni De Gennaro e il Prof. Antonino Zichichi.

Intervenendo alla manifestazione - intitolata 'Enrico Fermi e il fuoco nucleare di pace' - Marini ha sottolineato che «Una politica che non guarda con occhio interessato alla ricerca scientifica  è una politica di corto respiro» , perchè gli sbocchi dello sviluppo tecnologico «non vanno solo verso la scienza, ma anche e soprattutto verso l'economia». Il presidente del Senato ha quindi concluso evidenziando che «la politica deve fare qualche passo di più verso la ricerca». Mostra 'Enrico Fermi e il fuoco nucleare di pace'

La storica Palazzina di Via Panisperna, attualmente adibita ad uffici ed archivi di competenza del Ministero dell’Interno, sarà disponibile per le finalità che il Centro Fermi è chiamato a perseguire. A questo scopo, il progetto di ristrutturazione a cura del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e del Provveditorato alle OO.PP. per il Lazio, prevede la creazione di un nuovo accesso da Via Balbo, che si colloca quindi ad una quota inferiore di circa 10 m, in modo da isolare l’ex Istituto Fisico dal Complesso del Viminale. Il nuovo ingresso sarà arretrato, creando un piazzale antistante.

La strategia di arretrare l’ingresso dà soluzione anche al problema di far sostare le persone in un posto coperto. L’ingresso sarà realizzato soprattutto in vetro, conservando nell’immagine la continuità con il muro esistente su via Balbo.

Al centro il Presidente Marini, a sinistra il Capo di Gabinetto De Gennaro e il Sottosegretario Pajno, a destra il Preofessor ZichichiL’edificio fu iniziato nel 1877 e completato nel 1880, su disegno dell’ingegnere idraulico Pietro Blaserna, che ne fu anche il primo Direttore. Dell’antica disposizione sarà ripristinata l’originale Aula Magna con la demolizione di un solaio, introdotto in tempi recenti, per ricostruirne la parte superiore, la Biblioteca e parte dei Laboratori. Saranno altresì restaurate le originali volte a botte lunettata e a crociera, come pure la grande rampa di scale dell’ingresso verso il Viminale. Il progetto ha particolarmente curato gli aspetti di flessibilità degli ambienti, ovvero le destinazioni d’uso degli interni seguendo dettami statici, distributivi e funzionali.