Home  |  Servizi al Cittadino  |  Concorsi  |  Dipartimento per le politiche del personale dell'amministrazione civile e per le risorse strumentali e finanziarie  |  Sportello Unico per l’immigrazione presso le Prefetture : procedura concorsuale, per titoli ed esami, per l’assunzione di complessive 650 unità di personale nel profilo professionale di coadiutore amministrativo contabile
Concorsi
 
Dipartimento per le politiche del personale dell'amministrazione civile e per le risorse strumentali e finanziarie

Sportello Unico per l’immigrazione presso le Prefetture : procedura concorsuale, per titoli ed esami, per l’assunzione di complessive 650 unità di personale nel profilo professionale di coadiutore amministrativo contabile

Data Scadenza 08.10.2007


Procedura concorsuale, per titoli ed esami, per l’assunzione di complessive 650 unità di personale nel profilo professionale di coadiutore amministrativo contabile, area funzionale B, posizione economica B1, con contratto a tempo determinato, per le esigenze dello Sportello Unico per l’immigrazione presso le Prefetture – Uffici territoriali del Governo nonché degli uffici delle Questure.

Per l’ammissione alla procedura concorsuale è richiesto il possesso dei seguenti requisiti:

  • aver svolto, con contratto di prestazione di lavoro temporaneo, per un periodo di almeno sei mesi anche non continuativi, attività connesse all’attuazione delle norme in materia di immigrazione presso le Amministrazioni dello Stato;
  • cittadinanza italiana;
  • diploma di scuola secondaria di primo grado;
  • età non inferiore agli anni 18;
  • godimento dei diritti politici;
  • qualità morali e di condotta di cui all’art. 35 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165;
  • posizione regolare nei confronti degli obblighi militari;
  • idoneità fisica all’impiego. L’Amministrazione ha facoltà di sottoporre a visita medica i concorrenti in qualsiasi momento.

Non possono accedere all’ impiego coloro che sono stati esclusi dall’elettorato politico attivo; coloro che sono stati destituiti o dispensati dall’impiego presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento ovvero che siano stati licenziati da altro impiego statale ai sensi della vigente normativa contrattuale.
I requisiti richiesti per l’ammissione alla procedura concorsuale devono essere posseduti alla data di scadenza del termine utile per la presentazione delle domande di partecipazione alla procedura stessa.
I candidati sono ammessi con riserva alla procedura concorsuale.

L’Amministrazione può disporre in ogni momento, con provvedimento motivato, l’esclusione dalla procedura per difetto dei requisiti prescritti nonché per la mancata osservanza dei termini perentori stabiliti nel presente provvedimento.

La domanda di partecipazione al concorso deve essere redatta esclusivamente sull’apposito modello “A” allegato al presente bando e deve essere indirizzata al Ministero dell’Interno – Dipartimento per le politiche del personale dell’Amministrazione civile e per le risorse strumentali e finanziarie – Direzione centrale per le risorse umane, Ufficio IV, Affari del reclutamento e della formazione - Piazza del Viminale, 00184 Roma e spedita a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento, con esclusione di qualsiasi altro mezzo, entro il termine perentorio di trenta giorni che decorre dal giorno successivo alla data di pubblicazione del presente decreto nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, 4^ serie speciale “Concorsi ed esami”.

Il predetto modello di domanda sarà disponibile altresì nel sito del Ministero dell’Interno http://dait.interno.it.

La mancata utilizzazione del modello sopraindicato comporta l’esclusione dal concorso.

I candidati dovranno compilare il modello di domanda di partecipazione in tutte le sue parti e secondo le indicazioni contenute; i candidati che compileranno il modello in modo impreciso ed incompleto ovvero privo della firma saranno esclusi con provvedimento motivato.

Al fine dell’accertamento della tempestività nella presentazione della domanda, farà fede il timbro a data dell’ufficio postale accettante.

Il ritardo nella presentazione delle domande, quale ne sia la causa, anche se non imputabile al concorrente, comporta l’inammissibilità di quest’ultimo alla procedura.

Il candidato ha inoltre l’obbligo di comunicare, a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento, al Ministero dell’Interno – Dipartimento per le politiche del personale dell’Amministrazione civile e per le risorse strumentali e finanziarie, Direzione centrale per le risorse umane, Ufficio IV, Affari del reclutamento e della formazione - Piazza del Viminale, 00184 Roma, le successive eventuali variazioni di indirizzo e/o recapito.

Il candidato, ove riconosciuto portatore di handicap ai sensi della legge 5 febbraio 1992, n. 104, dovrà fare esplicita richiesta in relazione al proprio handicap dell’ausilio necessario nonché segnalare l’eventuale necessità di tempi aggiuntivi per l’espletamento della prova d’esame. In ragione di ciò la domanda di partecipazione dovrà essere corredata da una certificazione rilasciata da apposita struttura sanitaria che specifichi gli elementi essenziali in ordine ai benefici di cui sopra, al fine di consentire all’Amministrazione di predisporre per tempo i mezzi e gli strumenti atti a garantire una regolare partecipazione al concorso.

Il candidato deve dichiarare nel modello di domanda di essere a conoscenza delle sanzioni penali previste dall’articolo 76 del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445 per le ipotesi di falsità in atti e dichiarazioni mendaci.

Il candidato deve dichiarare di autorizzare il trattamento dei propri dati personali, ai sensi e per gli effetti del decreto legislativo 30 giugno 2003, n.196.

L’Amministrazione non assume alcuna responsabilità per il caso di dispersione di comunicazioni dipendenti da inesatte o incomplete indicazioni del recapito da parte del concorrente oppure da mancata o tardiva comunicazione del cambiamento dell’indirizzo e/o recapito indicato nella domanda, né per eventuali disguidi postali o telegrafici o comunque imputabili a fatto di terzi, a caso fortuito o forza maggiore, né per la mancata restituzione dell’avviso di ricevimento della raccomandata.


Data pubblicazione 11.09.2007

Scarica i documenti