Home  |  Sala Stampa  |  Notizie  |  Il decreto anti-stupri è legge

Notizie

Pari opportunità

23.04.2009

Il decreto anti-stupri è legge

Approvato in via definitiva dal Senato il provvedimento che inasprisce le sanzioni contro chi compie reati sessuali e introduce il reato di atti persecutori

Varato in via definitiva dal Senato il decreto legge anti-stupri del 23 febbraio 2009. Il provvedimento, che inasprisce le sanzioni contro chi compie reati sessuali e introduce il reato di atti persecutori, il cosiddetto stalking, è dunque divenuto legge ma le norme anti-stupri hanno già dimostrato la loro efficacia nei due mesi di vigenza del decreto. 

Proprio in quel periodo si sono infatti registrati i primi 'ammoniti' per atti persecutori: già il 19 marzo il 'cartellino giallo' del questore di Firenze segnalò l'applicazione della nuova normativa contro la violenza sessuale ad un molestatore cinquantenne. 

La legge approvata contiene modifiche al codice penale, introducendo un'aggravante per il caso in cui il reato di omicidio faccia seguito al delitto di violenza sessuale, violenza sessuale su minori e violenza sessuale di gruppo. Introdotta inoltre l'aggravante nel caso di reato di omicidio compiuto dallo stesso autore del delitto di atti persecutori, lo stalking appunto. 

Modifiche anche al codice di procedura penale con misure cautelari personali, un ampliamento di casi per le associazioni a delinquere, la tratta e riduzione in schiavitù, il sequestro di persone, i reati di terrorismo, prostituzione e pornografia minorile e contro il turismo sessuale.