Home  |  Sala Stampa  |  Dalle Prefetture  |  Coordinate dalla Prefettura di Viterbo le operazioni di bonifica di un residuato bellico rinvenuto nel lago di Bolsena

Dalle Prefetture

2006 - Lazio - Viterbo

21.12.2006

Coordinate dalla Prefettura di Viterbo le operazioni di bonifica di un residuato bellico rinvenuto nel lago di Bolsena



Il giorno 19 dicembre, dalle ore 8 alle ore 14.30 lo specchio d'acqua del Lago di Bolsena antistante il Comune di Capodimonte, e parte del suo territorio, sono stati interessati dalle operazioni di bonifica di un residuato bellico rinvenuto da una associazione di subacquei e segnalato dalla Questura di Viterbo.
 
Una volta ricevuta la segnalazione della presenza dell'ordigno, la Prefettura di Viterbo ha coordinato le operazioni di messa in sicurezza dell'area circostante la zona di ritrovamento mediante l'interdizione dello specchio d'acqua interessato, grazie anche alla fattiva  partecipazione del  Sindaco di Capodimonte e alla  collaborazione dell'Arma dei Carabinieri e dei Vigili del Fuoco.
 
L'intervento di bonifica ha richiesto una particolare cura nell'azione di pianificazione e coordinamento delle operazioni per l'oggettiva difficoltà riscontrata dagli artificieri nella esatta identificazione del tipo di ordigno e spoletta.
Durante varie riunioni tenutesi presso la Prefettura e sopralluoghi effettuati dai diversi Enti coinvolti nelle operazioni, si è proceduto alla individuazione del  luogo di despolettamento e di brillamento secondo le indicazioni del Comando 6° Reggimento Genio Pionieri di Roma; si sono pianificati gli interventi di sgombero delle abitazioni situate nelle vicinanze delle aree interessate; sono stati individuati gli Enti responsabili di condutture e servizi di interesse pubblico insistenti nella zona per la messa in sicurezza delle strutture e l'organizzazione di tempestivi interventi di ripristino, nel caso in cui si fossero verificati incidenti durante la bonifica.
Coordinati dalla Prefettura, sono stati coinvolti nelle operazioni di bonifica i seguenti Enti ed Associazioni di Volontariato: il Comando Alto Tirreno di La Spezia della Marina Militare e il Comando 6° Reggimento Genio Pionieri dell'Esercito, responsabili delle operazioni di recupero, despolettamento e brillamento dell'ordigno; l'Arma dei Carabinieri, per tutte le azioni di supporto; le motovedette dell'Arma e della Guardia di Finanza per la vigilanza delle acque del Lago; i Vigili del Fuoco, per le attività di specifica competenza sia nelle acque sia a terra;  il Comune di Capodimonte, per le operazioni di sgombero e di assistenza alla popolazione; la Provincia di Viterbo, per i mezzi e le risorse che sono state destinate all'esecuzione dell'operazione; la Questura di Viterbo, per la gestione tecnica dei servizi predisposti per la tutela dell'ordine e la sicurezza pubblica con il concorso di tutte le Forze di Polizia (Arma dei Carabinieri, Guardia di Finanza, Polizia Locale di Capodimonte, la Polizia Provinciale, il Corpo Forestale dello Stato); l'Associazione di Volontariato della Misericordia, per l'ambulanza medicalizzata; la Scuola Marescialli dell'Aeronautica, per il supporto infermieristico e medico; l'ARES 118 di Viterbo, per la gestione del primo soccorso in caso di incidente; la Croce Rossa Italia, per le risorse messe a disposizione del Sindaco.
Il Dirigente dell'Area di Protezione Civile della Prefettura - UTG  ha presieduto il Centro di Coordinamento misto, costituito nel Comune di Capodimonte per tutta la durata delle operazioni.



Scarica i documenti