Home  |  Sala Stampa  |  Dalle Prefetture  |  Una rete antiviolenza in provincia di Oristano per proteggere le donne vittime e i loro figli

Dalle Prefetture

Sardegna - Oristano

26.11.2013

Una rete antiviolenza in provincia di Oristano per proteggere le donne vittime e i loro figli



In occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, è stato sottoscritto ieri nella prefettura di Oristano un protocollo d’intesa, per la costituzione di una rete provinciale antiviolenza a tutela delle donne e dei loro figli minorenni.
L’accordo impegna diverse istituzioni che, pur nel rispetto delle specifiche competenze, lavoreranno in sinergia attraverso un percorso condiviso per contrastare concretamente il fenomeno e per sostenere con più efficacia le vittime. L’attività riguarderà più ambiti, con interventi di prevenzione, di informazione, di formazione, di comunicazione, di sensibilizzazione culturale e di assistenza delle vittime.
Il protocollo è stato siglato dalle seguenti istituzioni operanti nella provincia di Oristano: prefettura, questura, comando provinciale Carabinieri, procura della Repubblica, tribunale, tribunale per i minorenni di Cagliari, amministrazione provinciale, azienda sanitaria locale n. 5, comune, centro antiviolenza ‘Donna Eleonora’,comune capofila del PLUS del distretto di Oristano, comune capofila del PLUS del distretto di Ghilarza, comune capofila del PLUS del distretto di Ales, MIUR Ufficio scolastico provinciale, ordine degli avvocati, osservatorio nazionale sul diritto di famiglia, redazione radio ‘Cuore’.

Il centro antiviolenza 'Donna Eleonora' di Oristano, inoltre, ha attivato una campagna di comunicazione estesa a tutti i comuni della provincia per far conoscere la realtà della struttura che offre sostegno alle donne vittime di violenze psicologiche, fisiche, sessuali, rispetto alle quali la rete può fornire assistenza psicologica, legale e sociale.

Nel pomeriggio di ieri, infine, presso la pinacoteca comunale di Oristano, è stata inaugurata una mostra degli elaborati realizzati dagli alunni delle scuole primarie e secondarie della città sul tema ‘in genere la parità è meglio’.