Home  |  Sala Stampa  |  Dalle Prefetture  |  Enna, riunito il Comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica dopo l'omicidio nel comune di Barrafranca

Dalle Prefetture

2010 - Sicilia - Enna

28.12.2010

Enna, riunito il Comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica dopo l'omicidio nel comune di Barrafranca



A meno di ventiquattro ore dall’efferato omicidio nel comune di Barrafranca, si è svolta ieri negli uffici del sindaco, convocata dal prefetto di Enna Giuliana Perrotta, la riunione del Comitato per l’ordine e sicurezza pubblica, nella quale sono stati esaminati alcuni specifici profili sulla dinamica del crimine.

Riunione del Comintato per l'ordine e la sicurezza pubblica al comune di BarrafarancaE' stata approfondita in particolare la circostanza riguardante il ritardo con cui il locale comando dei Carabinieri è stato avvisato dell’omicidio accertando che nessuno di coloro che si trovavano in prossimità del luogo dell’attentato, ove tra l’altro insiste un bar da cui le vittime erano appena uscite, ha provveduto ad avvertire i carabinieri il cui intervento, pertanto, è avvenuto solo a distanza di tempo, su segnalazione del presidio di polizia del nosocomio di Caltanissetta presso cui i feriti erano nel frattempo stati ricoverati. 

E’ stato pianificato un rafforzamento dei servizi di controllo del territorio ed è stato rivolto al sindaco l’invito a promuovere iniziative dirette a favorire un’azione di sensibilizzazione della cittadinanza ad un atteggiamento di aperta e solidale collaborazione con le Forze dell’ordine e di massimo rispetto della legalità. 

Il Comitato ha infine valutato l’eventualità di procedere all’irrogazione di sanzioni amministrative nei confronti di quegli esercizi commerciali i cui gestori, titolari di autorizzazioni di polizia, nello svolgimento delle loro attività sono comunque tenuti ad un comportamento collaborativo con le forze di polizia.

All’incontro presieduto dal prefetto hanno partecipato il sindaco di Barrafranca, il questore, il comandante provinciale dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza.