Home  |  Sala Stampa  |  Comunicati stampa  |  Ricondotti in Grecia 63 clandestini sbarcati illegalmente sul litorale ionico della Calabria

Comunicati Stampa

Ministero dell'Interno, 27.11.2010

Ricondotti in Grecia 63 clandestini sbarcati illegalmente sul litorale ionico della Calabria



Nella mattinata di oggi sono stati ricondotti in Grecia 63 clandestini, sbarcati illegalmente sul litorale ionico della Calabria tra il 21 e il 23 novembre scorsi.

Nell’immediatezza del loro arrivo, la Questura di Crotone, su iniziativa della Direzione Centrale Anticrimine, aveva tratto in arresto uno scafista di nazionalità scozzese per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

Nel prosieguo delle indagini, la Direzione Centrale dell’Immigrazione e della Polizia delle Frontiere ha sviluppato, per 3 giorni, le informazioni raccolte, riuscendo così a fornire alle Autorità elleniche incontrovertibili elementi di prova circa la provenienza degli stranieri dalle coste greche.

L’efficacia del lavoro d’intelligence è stata riconosciuta dalle Autorità di Atene che hanno autorizzato la riammissione in Grecia dei 63 clandestini, partiti nella serata di ieri dal porto di Brindisi e scortati fino a Patrasso da 54 unità della Polizia di Stato.

Nello stesso contesto di strategie operative poste in essere dalla citata Direzione Centrale, sono stati ricondotti in Grecia, nella serata di ieri, altri 16 clandestini giunti nella stessa mattinata a bordo di una nave proveniente dalle coste di quel Paese.

Nel corso di questa settimana sono stati poi rimpatriati, con diversi voli aerei, ulteriori 65 extracomunitari clandestini, soprattutto tunisini, algerini e marocchini, rintracciati sul territorio nazionale.