Home  |  Sala Stampa  |  Comunicati stampa  |  Consulta per l'Islam italiano: giudizio fortemente negativo del Ministro dell'Interno Amato sull'affermazione di tesi inaccettabili

Comunicati Stampa

Ministero dell'Interno, 28.08.2006

Consulta per l'Islam italiano: giudizio fortemente negativo del Ministro dell'Interno Amato sull'affermazione di tesi inaccettabili

Proposta la stesura di una 'carta dei valori e dei principi' che sarà sottoposta alla firma dei componenti della Consulta

IL MINISTRO DELL'INTERNO, GIULIANO AMATO, HA PRESIEDUTO OGGI AL VIMINALE UNA RIUNIONE DELLA CONSULTA PER L'ISLAM ITALIANO. APRENDO I LAVORI IL MINISTRO HA DATO CONTO DI UNA LETTERA INVIATAGLI DAL PRESIDENTE DELL'UCOII, MOHAMED NOUR DACHAN, NELLA QUALE, SOTTOLINEANDO CHE IL DOCUMENTO PUBBLICATO SU  ALCUNI GIORNALI, NEI GIORNI SCORSI, VOLEVA ESSERE DI CRITICA A ISRAELE E NON ANTIEBRAICO, SI AMMETTEVA UN ERRORE DI COMUNICAZIONE. IL MINISTRO, NEL PRENDERNE ATTO, HA SOTTOLINEATO TUTTAVIA CHE NON SI È TRATTATO SOLO DI UN PROBLEMA DI COMUNICAZIONE, MA DELL'AFFERMAZIONE DI UNA TESI COMUNQUE INACCETTABILE. E HA DUNQUE RIBADITO LA SUA FERMA CONDANNA DELL'EPISODIO.
IL MINISTRO AMATO HA POI SOSTENUTO L'OPPORTUNITÀ CHE TUTTI I MEMBRI DELLA CONSULTA SOTTOSCRIVANO UNA CARTA DEI VALORI E DEI PRINCIPI, SU CUI COSTRUIRE L'ISLAM ITALIANO. IL MINISTRO HA COSÌ ESPOSTO I TEMI CHE A SUO AVVISO QUESTO DOCUMENTO DOVRÀ METTERE A FUOCO, INVITANDO TUTTI I PARTECIPANTI A FORMULARE LE LORO RIFLESSIONI IN MERITO, IN UNA FUTURA RIUNIONE DELLA CONSULTA, ALLA QUALE SARANNO INVITATI A PARTECIPARE ANCHE ESPONENTI DEL MONDO DELLA CULTURA E DEL DIRITTO. AL TERMINE DI QUESTO CONFRONTO IL MINISTRO ELABORERÀ LA VERSIONE DEFINITIVA DELLA CARTA DEI VALORI E DEI PRINCIPI, CHE SOTTOPORRÀ  PER LA FIRMA AI COMPONENTI DELLA CONSULTA.
NEL CORSO DEL DIBATTITO TUTTI I PARTECIPANTI, CON ACCENTI DIVERSI, HANNO ESPRESSO UN GIUDIZIO FORTEMENTE NEGATIVO SUL COMUNICATO DELL'UCOII E SI SONO DETTI D'ACCORDO CON LA PROCEDURA PER ARRIVARE A SOTTOSCRIVERE LA CARTA. DACHAN, PRESIDENTE DELL'UCOII, PUR DICHIARATOSI PRONTO A INCONTRARE LA COMUNITÀ EBRAICA, SI È RIFIUTATO DI ASSOCIARSI AL GIUDIZIO FORTEMENTE NEGATIVO.