Home  |  Servizi al Cittadino  |  Enti locali  |  Ministero dell'Interno - Decreto 5 luglio 2013
Legislazione
 
Enti locali

Ministero dell'Interno - Decreto 5 luglio 2013

Differimento dei termini per la presentazione delle certificazioni di bilancio di previsione per l'anno 2013 delle amministrazioni provinciali, dei comuni, delle comunità montane, unioni di comuni

IL DIRETTORE CENTRALE
 della finanza locale

Visto l'art. 161, comma 1 del testo unico della legge sull'ordinamento degli enti locali, approvato con il  decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, in base al quale gli enti locali redigono apposita certificazione sui principali dati del bilancio di previsione, con modalità da fissarsi con decreto del  Ministro dell'interno, d'intesa con l'Associazione nazionale dei comuni italiani (A.N.C.I.) e l'Unione delle province d'Italia (U.P.I.);
Visto il decreto ministeriale del 14 maggio 2013, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 120 del 24 maggio 2013, con cui sono stati approvati i modelli di certificazione relativi al bilancio di previsione per l'anno 2013 e stabiliti i termini per la trasmissione da effettuare tramite posta elettronica certificata e firma  digitale dei sottoscrittori;
Visto l'art. 10, comma 4-quater della legge 6 giugno 2013, n. 64, di conversione del decreto-legge 8 aprile 2013, n. 35, che - modificando il testo del comma 381 dell'art. 1 della legge 24 dicembre 2012, n. 228 - differisce al 30 settembre 2013 il termine per l'approvazione del bilancio di previsione degli enti locali per l'anno 2013;
Considerato che da tale proroga del termine per l'approvazione del bilancio di previsione 2013 consegue anche l'esigenza di differire i termini per la presentazione della relativa certificazione di bilancio;

Decreta:
 
Art. 1

La data prevista al comma 1 dell'art. 1 ed al comma 2 dell'art. 4 del decreto ministeriale 14 maggio 2013 richiamato in premessa, relativa alla trasmissione della certificazione al bilancio di previsione per l'anno 2013, è differita al 30 ottobre 2013.
Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.
 
 Roma, 5 luglio 2013

Il direttore centrale: Verde